I templi jainisti di Palitana | Project India
1683
post-template-default,single,single-post,postid-1683,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive

I templi jainisti di Palitana

In cima alle due cime della collina di Shatrunjaya a 603 metri, in Gujarat, si ergono 863 templi scolpiti in marmo, vicino alla città di Palitana. Considerata la collina con il maggior numero di templi in tutto il mondo, per molti visitatori è il momento saliente di un viaggio in Gujarat. Uno yatra (pellegrinaggio) ai templi Palitana, è considerato il più sacro dei pellegrinaggi tra la comunità jainista,  ed in un viaggio in Gujarat, è senza dubbio una tappa fondamentale.

Ci sono pochi complessi di templi paragonabili ad esso. Palitana, nel distretto di Bhavnagar del Gujarat, è una città piena e famosa per i suoi templi di diverse dimensioni, dedicati ai 24 Tirthankaras o santi della comunità Jain. Costruita sulla collina Shatrunjaya, i giainisti credono che 23 dei sacri Tirthankaras abbiano effettivamente visitato questa collina. Non c’è da stupirsi quindi che questo sia il più grande luogo di pellegrinaggio per i giainisti, il loro Vaticano.

Costruiti nel corso di secoli diversi, i templi di Palitana non sono solo una lezione di storia e architettura, poiché sono splendidamente scolpiti, ma sono anche un tributo a una religione che ha prosperato per più di 2500 anni in piccole comunità sparse in tutta l’India peninsulare. I giainisti
credono che Adinath abbia santificato la montagna di Shatrunjaya selezionandola come sito del suo primo sermone. Si dice che Adinath, il primo dei Tirthankaras o Jina – illuminati – che sono stati liberati dal ciclo di nascita e morte, sia vissuto 8.400.000 anni fa. Secondo la filosofia Jain che ha un concetto unico del tempo, in ogni era o ardha kalp a (un kalpaconsiste di 4,32 miliardi di anni) 24 Tirthankarassi manifestano sulla Terra, dopodiché il ciclo continua e viene in essere un’altra serie di 24 Tirthankara.

La storia dei Tepli di Palitana

Storicamente parlando, i primi templi di Palitana furono costruiti sotto il patronato reale del re Kumarapala della dinastia Solanki nell’XI secolo d.C. Purtroppo la maggior parte di questi furono distrutti dagli invasori musulmani nel XIII secolo d.C. Gli storici ipotizzano che i templi siano stati distrutti e devastati dagli eserciti invasori di Allaudin Khilji, tuttavia non sono disponibili registrazioni di questo evento. I templi che oggi si ergono alti furono aggiunti più tardi nel XVI secolo e i templi più antichi furono ricostruiti da ricchi mercanti della regione.

Nel 1656 CE, Murad Baksh (l’allora governatore del Gujarat) figlio dell’imperatore Moghul Shah Jahan, concesse i villaggi Palitana al famoso mercante giainista Shantidas Jhaveri, uno Svetambara Jain e un influente mercante e prestatore di denaro nel periodo. In precedenza, l’Imperatore Akbar aveva emesso un editto che concedeva uno status speciale a Shatrunjaya, proteggendo l’area e permettendo così alla tradizione Jain di prosperare senza inibizioni. Successivamente anche tutte le tasse furono esentate e la città del tempio prosperò.

Il complesso dei Tepli

Il complesso dei templi della Palitana è vasto. Ci sono circa 824 santuari, grandi e piccoli dedicati ai Tirthankara. Molti di loro sono raggruppati in recinti e ogni gruppo ha un tempio principale e molti altri minori intorno ad esso. I templi più grandi hanno notevoli sale di marmo con colonne e torri e molte aperture, sebbene molti dei templi siano edifici molto piccoli di circa 3 piedi quadrati con rappresentazioni degli emblemi specifici dei Tirthankaras .

Il tempio principale in cima alla collina, il tempio di Adishwara, è quello di Adinath, il primo Tirthankara ed è degno di nota per i suoi disegni ornati e l’immagine in marmo della divinità è adornata con ornamenti d’oro tempestati di gioielli preziosi. Ci sono oltre 3500 gradini per arrivarci. La grandiosità scultorea di questo tempio lo rende uno dei templi più belli dell’India.

L’altro famoso tempio Jain qui è Chaumukha o il tempio a quattro facce È il più grande del suo gruppo ed è stato costruito nel 1618. Il tempio di Chaumukha è un edificio a quattro lati con porte in modo che gli idoli nel tempio sarebbero visibili da tutte e quattro le direzioni . L’immagine di Adinath che guarda in quattro direzioni poggia su un piedistallo di marmo bianco. Il tempio di Vimal Shah è una struttura quadrata con torri. Saraswati è riconosciuta come divinità suprema della conoscenza e della saggezza anche nel giainismo e in Palitana c’è un piccolo santuario a lei dedicato. Gli altri punti salienti sono il tempio di Narsingh Kesharji e il tempio Samavasaran, con 108 schizzi di vita nella scultura, sono anche degni di nota.
Poiché la città-tempio di Palitana fu costruita per essere una dimora per il divino, a nessuno è permesso pernottare, compresi i sacerdoti. Il tempio rimane chiuso durante i quattro mesi di monsone.

È interessante notare che mentre ci sono centinaia di templi nel complesso Palitana in 9 gruppi principali, c’è solo un tempio per gli adoratori della setta Digambara più ortodossa conosciuta come Sri Digambara Jain Sidd Kshetra. Palitana è principalmente un luogo di culto per la setta Svetambara dei giainisti. La regione del Gujarat e del Rajasthan ha una maggioranza di Svetambara Jain. Questo ha molto a che fare con il modo in cui si è diffuso il giainismo.

La diffusione del Gainismo

Entro il 2 ° secolo aEV il giainismo si diffuse quando gruppi di monaci insieme a commercianti e mercanti si ramificarono per diffondere la fede in diverse parti del subcontinente indiano lungo le rotte commerciali.

Il giainismo si diffuse prima dalla rotta di Pataliputra nel Bihar fino all’Odisha nell’est; Andhra Pradesh, Karnataka e Tamil Nadu nel sud. Un’iscrizione del famoso re Kharavela (157 a.C.) trovata nella grotta di Hathigumpha a Udayagiri a Bhubaneswar, Odisha afferma che il re Kharavela eresse una statua della prima Jina Adinatha e ha anche fatto scolpire abitazioni rupestri per i monaci nel I secolo a.C. . Un altro gruppo di monaci migrò verso ovest e successivamente si stabilì in Gujarat. Le grotte scavate nella roccia di questo periodo trovate vicino a Junagarh confermano l’insediamento di una comunità giainista attiva in questa regione.

Nel V secolo d.C., c’era un conflitto tra i seguaci del giainismo sulle pratiche monastiche appropriate e si divisero in due sette la setta Svetambara (vestita di bianco) sostenendo che i monaci e le monache avrebbero dovuto indossare abiti bianchi e il Digambara (Sky-Clad) setta sostenendo che un vero monaco (ma non una suora) dovrebbe essere nudo. Nel periodo medievale, il giainismo ha lasciato un segno evidente nella parte occidentale del paese, in particolare in Gujarat e Rajasthan sotto il patrocinio reale. Le dinastie reali come i Kadambas, i Chalukyas e i Rashtrakutas e i governanti provinciali Rajput patrocinarono il
giainismo. La collina di Shatrunjaya a Palitana testimonia tale eredità.
Il complesso del tempio di Palitana è un’istantanea della fede giainista e delle sue molteplici dimensioni. È uno dei luoghi più sacri della ricca comunità Jain composta principalmente da commercianti e uomini d’affari che hanno assicurato che Palitana rappresenta la loro prosperità collettiva.

No Comments

Post A Comment