Narlai, l'India di un tempo | Project India
1624
post-template-default,single,single-post,postid-1624,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive

Narlai, l’India di un tempo

Narlai è un piccolo villaggio di cui le guide non parlano, una zona del Rajasthan non frequentata dai turisti e forse per questo ancora autentica, dove il tempo si è fermato.

Situato nel cuore delle Aravalli Hills, Narlai è un piccolo, affollato e idilliaco paesino circondato da colline boscose; è indiscutibilmente una delle più belle località rurali del Rajasthan. La posizione di Narlai lo rende una sosta ideale per una o due notti per visitare le vicine Ranakpur e Kumbhalgarh. Si trova infatti a metà strada tra Jodhpur (140 km) ed Udaipur (120 km), raggiungibili entrambe in circa 2 ore e mezza di auto.

Narlai, veduta dalla collina

Il tempo pare scorrere ad un ritmo diverso rispetto al resto del mondo. Quasi non si vedono automobili e l’illuminazione artificiale è limitatissima.

I dintorni

Attorno al piccolo paese si può ammirare lo spettacolo lunare dei monti Aravalli, con le loro rocce levigate dal vento. Piccoli sentieri si snodano dal villaggio e permettono di fare lunghe passeggiate tra templi sperduti, caverne dove vivono sadu dalle antiche tradizioni, resti di piccoli forti e villaggi arroccati sulle cima delle montagne.

Il villaggio si sviluppa intorno al Rawla Narlai, ex tenuta di caccia del Maharaja di Jodhpur, oggi trasformato in boutique hotel. Questa è l’unica sistemazione nell’arco di 20 km dal villaggio e l’unica consigliabile nell’arco di 50/60 km. L’hotel stesso è comunque gran parte dell’esperienza ed organizza escursioni a piedi o cavallo o safari in jeep nei dintorni, in cui è possibile avvistare il leopardo.

Oggi questo ‘Country Manor’, accuratamente restaurato nella sua originale magnificenza, è un rifugio tranquillo e affascinante per fermarsi e respirare la magia del Rajasthan rurale mentre si è viziati dalla rinomata ospitalità indiana.

Poi la mattina, rigorosamente prima dell’alba, si parte scortati da una guida messa a disposizione dall’hotel e ci si inerpica sulla grande montagna di fronte al paese. La salita è impegnativa, piena di scale scolpite nella roccia; ma quando si arriva sulla cima, davanti alla grande scultura dell’elefante bianco, simbolo di questa terra, l’alba che sorge dalla foschia cancella tutte le fatiche dell’ascesa. Un posto incantevole che sarà difficile dimenticare.

Per gli amanti del safari a circa 70 km da Narlai è possibile soggiornare al Jawai Leopard Reserve dove vive una numerosa comunità di Leopardi, oppure per chi volesse continuare l’esperienza di viaggio in un altro Heritage Hotel, vi consigliamo quello che riteniamo l’albergo con il maggior fascino nonchè l’icona dell’India Il Taj Lake Palace ad Udaipur, oppure per continuare a vivere il Rajasthan nella sua intimità vi consigliamo una tappa a Mihir Ghar situato nella zona semi desertica tra Jodhpur e le Aravalli Hills a due ore circa da Narlai.

No Comments

Post A Comment